Confestetica farà ricorso al TAR, per chiedere l’annullamento di questo nuovo decreto che limita ancora una vota lo sviluppo del comparto dell’estetica. Il Ministero sotto le feste natalizie pubblica in Gazzetta Ufficiale il nuovo e dannoso decreto sulle apparecchiature estetiche.

Comunicato Ufficiale di Confestetica n. 4436 del 01 gennaio 2016 alle ore 20:40

Confestetica farà ricorso al TAR, per chiedere l’annullamento di questo nuovo decreto che limita ancora una vota lo sviluppo del comparto dell’estetica.

Il Ministero sotto le feste natalizie pubblica in Gazzetta Ufficiale il nuovo e dannoso decreto sulle apparecchiature estetiche.

 

Comunicato Ufficiale di Confestetica n. 4436 del 1 gennaio 2016 alle ore 20:40

Il Ministero dello sviluppo economico proprio sotto le feste natalizie ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.300 del 28-12-2015, il nuovo decreto relativo agli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l’attività di estetista.

Il nuovo decreto n. 206/2015 impone limiti ingiustificati sulle apparecchiature in uso all’estetista, provocando così un gravissimo danno allo sviluppo di tutto il settore.

Con Sentenza del Consiglio di Stato n. 1417/2014 Confestetica ha già fatto annullare il decreto precedente 110/2011. E adesso la storia si ripete, ma nei prossimi giorni, Confestetica chiederà nuovamente al TAR di annullare questo nuovo e dannoso decreto.

Dopo queste feste, pubblicheremo gli approfondimenti di questa vicenda, descrivendo tutti i punti salienti di questi ultimi 5 anni, evidenziando i punti critici di questo ulteriore e nuovo decreto e tutti i relativi danni che potrebbe provocare al comparto. Tale decreto non tiene conto, ancora una volta, dello sviluppo del settore e soprattutto della professionalità dell’estetista, così come la legge del 4 gennaio 1990 n.1  ha predisposto e la Sentenza del Consiglio di Stato ha ribadito.

 

Gazzetta Ufficiale DECRETO  206/2015

Sentenza Consiglio di Stato di annullamento DECRETO 110/2011

 


Comunicato Ufficiale Scritto da Confestetica in data 01 gennaio 2016 alle ore 20:40

Per seguire gratuitamente tutti i comunicati di Confestetica, iscriviti qui.

Lascia un Commento