confestetica

Benvenuti nel portale dell'estetista a cura dell' Associazione Nazionale Estetisti
In questo momento ci sono 64 utenti collegati.

  • twitter
  • facebook
  • youtube

“Bertolaso non si tocca” ma neanche le massaggiatrici si toccano. Vauro e Annozero offendono le massaggiatrici

Vauro vignetta massaggi

Figura 1

Confestetica in questi giorni ha notato con quanta leggerezza si stia affrontando il tema delle massaggiatrici dopo la vicenda che ha visto protagonista, suo malgrado, Guido Bertolaso, il Capo della Protezione Civile Italiana.

La superficialità con la quale si dà per assunto che massaggiatrice voglia dire prostituta, la semplicità con la quale si ride sull’onestà di migliaia di estetiste che quotidianamente eseguono massaggi, è arrivata davvero a livelli estremi.

Già nella puntata de “L’Ultimaparola” andata in onda su Rai 2 il 12/02/2010, Vittorio Sgarbi aveva fatto commenti offensivi sulla categoria delle massaggiatrici, che a suo dire sono assimilabili alle escort ed in tale occasione Confestetica aveva chiesto la rettifica di tali affermazioni.

Ieri invece (giovedì 18 febbraio 2010), neanche ad una settimana di distanza dal cattivo esempio di Sgarbi, scopriamo che nella trasmissione “Annozero” in onda su Rai 2, il vignettista Vauro ha mostrato un fumetto da lui realizzato (vedi figura 1) nel quale si legge:

Bertolaso non si tocca

Prete: “ Dimmi figliuolo, ti tocchi”?

Bertolaso: “ No per quello ho la massaggiatrice!”

Il capo della protezione civile quindi, secondo la visione di Vauro non è avvezzo all’autoerotismo poiché ha la propria escort/massaggiatrice che provvede alla soddisfazione di determinate sue esigenze sessuali.

Ogni giorno in redazione  arrivano segnalazioni da parte di nostre associate e non che lamentano il fatto di essere importunate tramite “strane” telefonate fatte da voci maschili che vorrebbero prendere appuntamenti per massaggi particolari.

Differenziare chi realmente ha bisogno di un massaggio fatto da mani di estetiste esperte da chi vuol solo divertirsi un po’ inizia a diventare davvero difficile. Senza considerare poi che gli uomini che normalmente usufruiscono da massaggi “leciti”, stanno annullando gli appuntamenti presi presso le loro estetiste di fiducia per timore di essere additati come frequentatori di escort!

C’è davvero da perdere la testa per via delle innumerevoli sfaccettature che una situazione apparentemente leggera sta assumendo.

Confestetica sta definendo con il proprio ufficio legale le eventuali azioni da intraprendere contro in vignettista Vauro che è stato già oggetto di sospensione da parte della Rai per via di un suo scandaloso fumetto offensivo per le vittime del terremoto dell’Abruzzo (vedi figura 2).

Per questo ancora una volta dobbiamo essere unite nella lotta contro chi con assoluta facilità denigra la nostra professionalità!!

Figura 2

Figura 2

Scritto da Confestetica il 19 febbraio 2010 alle 19:04

Vuoi rimanere aggiornato con le novità di Punto Estetico? Sottoscrivi il nostro feed RSS!

4 Commenti a ““Bertolaso non si tocca” ma neanche le massaggiatrici si toccano. Vauro e Annozero offendono le massaggiatrici”

  1. Liana Sassoli Dice:

    Di una cosa sono felice…un cretino è un cretino e prima o poi viene fuori…
    Per me, al di là di ogni ideologia politica, la satira dev’essere innanzitutto intelligente e Vauro non lo è.
    Guardo poco annozero, ma le poche volte che l’ho fatto gli interventi di Vauro non mi sono mai piaciuti, non li ho trovati divertenti e, rispetto ai veri vignettisti satirici, lui fa sicuramente un altro mestiere.
    La satira, il programma di politica, il talk show, anche quando dichiaratamente di parte, devono essere rispettosi, veritieri e, ripeto, intelligenti.
    Chi fa satira colpisce il proprio avversario quando è forte, per farlo cadere in disgrazia agli occhi dell’opinione pubblica, non si accanisce con chi,temporaneamente, è in difficoltà (anche gravi)…
    Vauro, con il suo stile (stile? oddio, nel suo caso è una parola grossa..), finirà per offendere una categoria per volta…stavolta è toccato alla mia, ma, se servirà a far capire finalmente a tutta l’Italia quello che è, sarà servito a qualcosa.
    Noi siamo delle professioniste serie che sanno fare il proprio lavoro.
    Lui no.

  2. paola Dice:

    mitica!!

  3. monica Dice:

    Per colpa di uomini sessualmente repressi molte volte a pagarne le spese e’ chi cerca di fare il proprio lavoro ONESTAMENTE…per le massaggiatrici dire la professione e’ a volte imbarazzante poiche’provoca spesso commenti poco carini….viviamo in un Paese dove se cerchi di lavorare corretamente non conta mentre chi lavora (????) sfruttando o approfittando per gli “alti incarichi” che riveste nessuno dice niente…e’ o no il”paese dei balocchi”???..ce’ sempre qualcuno che muove i fili…ma si possono anche spezzare!!!!si vive in uno STATO di ACCETTAZIONE…SVEGLI!!!!!IMPARATE A DIRE NO!!!

  4. anna Dice:

    Che pena ho provato per Sgarbi all’idea che, nonostante tutto il suo sapere e la sua cultura non abbia mai avuto la possibilità di provare un “vero massaggio”, che lui ha confuso con una masturbazione, che solo una prostituta può eseguire.
    In quanto a Vauro, che non è un politico, ma un vignettista che fa satira e può avere una lettura comica della situazione, ha usato le informazioni raccolte durante la trasmissione Annozero ma non ha capito che con le sue vignette ha colpito, non già la categoria dei potenti (politici), ma una categoria che paga regolarmente le tasse con tanti sacrifici quotidiani, lavorando anche 12 ore al giorno!
    Inoltre, anche con le nostre tasse permettimo ai “signori di turno” di godere di molti benefici tra cui quelli offerti dalle escort le quali, penso solo a causa di profonda ignoranza, possano essere scambiate con delle massaggiatrice oneste e regolari.
    Stiamo vivendo un momento di crisi ma sicuramente da qualunque crisi si esce migliori.

Scrivi un commento