confestetica

Benvenuti nel portale dell'estetista a cura dell' Associazione Nazionale Estetisti
In questo momento ci sono 98 utenti collegati.

  • twitter
  • facebook
  • youtube

Equitalia bacchettata dalla Cassazione – illegittima l’ipoteca sotto gli 8.000 Euro

logo_equitaliaDalla Cassazione uno stop all’utilizzo indiscriminato dell’ipoteca per debiti esattoriali. Con la recente sentenza n. 4077 dello scorso febbraio, è stato accolto il ricorso di un contribuente di Castellammare di Stabia il quale lamentava di aver subito una iscrizione ipotecaria da parte di Equitalia Polis per un debito di appena 916,93 euro. Secondo la tesi del ricorrente, l’utilizzo della misura cautelare ipotecaria sarebbe legittima soltanto per debiti tributari superiori ad 8.000 euro così come previsto dall’art. 77 del DPR 602/73. Non quindi nel caso in questione. 

Da parte sua, l’Agente per la riscossione Equitalia sosteneva la correttezza del suo operato in quanto, a suo dire, il limite minimo di 8.000 Euro fissato dalla norma citata sarebbe applicabile solo nel caso di avvio della espropriazione immobiliare, consentendo perciò di iscrivere ipoteca anche per importi inferiori alla predetta soglia.

Sposando la tesi del contribuente, la Suprema Corte a Sezioni Unite ha sancito l’illegittimità di tale prassi. Recita la sentenza: rappresentando un atto preordinato e strumentale all’espropriazione immobiliare, anche l’ipoteca soggiace al limite per essa stabilito, nel senso che non può essere iscritta se il debito del contribuente non supera gli 8.000,00 Euro.
La decisione non sembra lasciare adito a dubbi: Equitalia Polis (e di conseguenza tutte le altre esattorie riunite ad oggi sotto la holding Equitalia) non ha il diritto di ricorrere all’ipoteca sugli immobili dei contribuenti morosi se il debito da saldare è inferiore alla soglia di 8.000 euro.

La motivazione è da ricercarsi nell’invasività di tale misura cautelare, a volte avviata senza neanche una preventiva informazione del contribuente, e nella sproporzione tra l’ammontare del debito ed il valore dell’immobile ipotecato. Tra l’altro, per importi esigui, la normativa consente ad Equitalia la possibilità di attivare altre misure coercitive quali il fermo amministrativo (ossia le cosiddette ganasce fiscali) e il pignoramento del conto corrente.
Il nuovo orientamento giurisprudenziale delle Sezioni Unite rende, in pratica, illegittime migliaia se non milioni di iscrizioni ipotecarie a carico dei cittadini italiani e apre finalmente una strada maestra alla tutela dei diritti dei contribuenti, spesso vessati da prassi consolidate ma prive di qualunque fondamento giuridico.

Per le azioni legali Class Action contro EQUITALIA chimate Confestetica 800 90 60 90

Scritto da Confestetica il 10 maggio 2010 alle 00:50

Vuoi rimanere aggiornato con le novità di Punto Estetico? Sottoscrivi il nostro feed RSS!

4 Commenti a “Equitalia bacchettata dalla Cassazione – illegittima l’ipoteca sotto gli 8.000 Euro”

  1. Vincenzo Dice:

    “CARA” equitalia ed il tuo boss “i governi”
    E’ tempo che la smettiate di SCHIAVIZZARE I CITTADINI POICHE’ ANCHE UN CONIGLIO SE MESSO ALLE STRETTE DIVENTA UN LEONE.

    ABBIAMO VISTO IL VOSTRO CONCETTO DI GIUSTIZIA, FERMATEVI FINCHE’ SIETE IN TEMPO, FATE AMMENDA E RESTITUITE IL MALTOLTO.

    SIETE PEGGIO DELLA MAFIA !

  2. Vincenzo Dice:

    LA CASA E’ SPESSO IL SACRIFICIO DI UNA VITA INTERA.

    QUESTE TASSE SONO UN FURTO LEGALIZZATO.

    NON SI PUO’ PRETENDERE IL PAGAMENTO DEL PIZZO PEGGIORE DI QUELLO DELLA MAFIA.

    I POLITICI RESPONSABILI DELLA PERDITA DELLA SOVRANITA’ MONETARIA DEVONO PAGARE CON I LORO BENI IL DANNO ENORME ARRECATO AI CITTADINI.

    FUORI DALL’EURO, FUORI DALLA COMUNITA’ EUROPEA, RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA INDIPENDENZA PER IL BENE DEI NOSTRI FIGLI.

  3. salvatore Dice:

    se la camorra chiede il pizzo perlomeno in cambio da qualcosa, ti protegge, ma i sig. di equitalia ci espropriano dei beni per pochi migliaia di euro , ma in cambio loro cosa ci hanno dato fin’ora?

  4. francesco Dice:

    lo stato, infinitamente sporco e infame, che per interessi propri intende sopprimere moralmente e materialmente quanti più individui possibile, in una delle sue blasfeme manifestazioni di male demoniaco, ha legittimato l’equitalia ad affogare il cittadino e le imprese, già profondamente provate dalla crisi economico -finanziaria, inventata, peraltro, dagli psicotici del potere assoluto.
    Questi tipi di amministrazione che riscuotono coattivamente sanzioni dettate dalle leggi infami di questo marcio sistema, sono parte integrante del male, e come tali devono sopprimere.
    Una maledizione profonda vada a tutti coloro che hanno potere nelle sedi dell’Equitalia e di simili associazioni a delinquere. La mafia a confronto è un’opera pia!!!

Scrivi un commento