confestetica

Benvenuti nel portale dell'estetista a cura dell' Associazione Nazionale Estetisti
In questo momento ci sono 91 utenti collegati.

  • twitter
  • facebook
  • youtube

Laser e luce pulsata depotenziata dal decreto nei centri estetici. Le stesse regole non valgono nei grandi magazzini.

Una bugia ripetuta molte volte diventa una verità

Cavitazione, fotodepilazione, laser, tutto da cambiare. Estetista tu non la puoi usare. Questo è chiaro. La fai sistemare? La metti a norma o la spedisci alla prima discarica? Non hai molte altre scelte, o prendere o lasciare. Non sei un medico, sei un’estetista te ne devi rendere conto. Non puoi fare questo, non puoi fare quello. Ti deve entrare nella zucca. Non chiedere di fare formazione, non te lo meriti!!!

Questo è il messaggio che ormai ci è entrato nella testa dopo la presentazione delle schede tecniche da parte del Ministero.

No, mia cara estetista, il tempo per metterti in regola non lo hai avuto e tantomeno il tempo per superare le pressioni finanziarie che gli acquisti di talune apparecchiature ti hanno portato ad avere.

E allora cosa fare? Niente. Ovvio.

Tutto tace e nessuno ritratta o pensa ai guai che ha creato. Qualcuno dirà che era inevitabile, che le schede dovevano essere sistemate. Qualcuno ci godrà perchè vedrà gonfiarsi il portafoglio mentre tu vedi il tuo leasing che ti mangia la casa.

Ma siamo in Italia ed in Italia le cose vanno cosi, qualcuno decide, qualcuno esegue ed a a rimetterci sono sempre i soliti. Una frase fatta dite? Ora vi dimostro perchè non lo è.

Sapevate che non potete utilizzare un laser perchè di sola pertinenza medica, (come accade in Veneto per esempio), ma che i medici non sono le uniche persone pertinent? Si perchè il pertinente Principe di questa vicenda è il privato Cittadino. Non mi credete? E allora ve lo provo.

Voi non lo potete usare, ma la Signora Maria, si! Beh si, deve stare attenta un pochino ma l’importante è non lo faccia l’estetista che è per propria natura un pericolo pubblico.

Magari la signora Maria lo può prestare alla sue amiche, o magari comprarlo insieme per un laser party, sai soldini risparmiati?? Ma vi accontento ancora con un nuovo video:

 Laser e foto-depilatori domiciliari??  Sogno o son desto??

Ma non solo. Seguite questi link e fate un viaggio con me all’insegna della contraddizione:

Si specifica che non vi è intenzione di sminuire o ledere l’immagine di queste aziende, che, avranno indubbiamente diritto di vendere tali apparecchiature, come legge prevede.

Ma la maggiore contraddizione si evidenzia, se avete interesse di controllare le schede tecniche degli apparecchi sopra menzionati.

Infatti, è evidente anche ad un cieco che la potenza espressa da queste apparecchiature è nettamente superiore a quella consentina dal decreto per l’uso previsto nei centri di estetica. Le apparecchiature a LUCE PULSATA che può utilizzare l’estetista dopo il 30 luglio,  per non essere definite PERICOLOSEdevono essere con una lunghezza d’onda emessa  compresa nell’intervallo fra 600 e 1100 nanometri e l’area di trattamento deve essere maggiore di 5 cm2.

Non ci si spiega come mai allora, nei grandi magazini, si possa vendere anche all signora Maria la luce pulsata con parametri molto più elevati di quelli che il decreto limita all’estetista. Difatti, come possiamo vedere qui di seguito cliccando sulle 2 immagini dei manipoli, troviamo luci pulsate che hanno lunghezze d’onda inferiori a 600 nm e precisamente ( 520 nm e 570 nm),  quindi potenzialmente più pericolose di quelle consentite all’estetista e addirittura possono avere manipoli inferiori a 5 cm2 e precisamente ( 3,2 cm2).

 
 
 
 
 

Clicca per aprire le schede tecniche a confronto

 

Clicca per aprire le schede tecniche a confronto

 

Credo  sia doveroso che ,chi si è seduto a prendere decisioni sul nostro futuro e soprattutto sul nostro presente, abbia quantomeno l’onestà di rispondere alle domande che in questo momento riempiono le nostre menti, ovviamente “inferiori”.

Risulta quantomeno cacofonico pensare che tutto ciò sia sfuggito all’occhio vigile di chi legifera e di chi si è tanto battuto perchè questo decreto andasse in questa direzione. Vuoi mai che qualcuno ora si debba prendere delle responsabilità?

Ai posteri l’ardua sentenza

si ricora a tutti i colleghi, che Confestetica sta presentanto il 13 settembre ricorso al TAR proprio per sospendere questo decreto che sta mettendo in ginocchio tutto il comparto degli estetisti.

puoi contribuire anche tu al ricorso al TAR

Il vostro Angelino Merlin

   

 

Scritto da Confestetica il 7 settembre 2011 alle 22:24

Vuoi rimanere aggiornato con le novità di Punto Estetico? Sottoscrivi il nostro feed RSS!

20 Commenti a “Laser e luce pulsata depotenziata dal decreto nei centri estetici. Le stesse regole non valgono nei grandi magazzini.”

  1. michela Dice:

    è una vergogna….
    io la quota per il ricorso al tar ve l’ho inviata…ma per la mia asl nn ha importanza…la legge è uscita (ricorso o nn ricorso)…la cavitazione è in casa dei miei genitori a fare la polvere e io stò adeguando prima la luce pulsata e poi la radiofrequenza…. e a che costo !!!!!!!!!!!!! ….
    care colleghe….buona fortuna !

  2. antonella Dice:

    Buongiorno, ho letto bene e stampato l’articolo molto ineteressante e spiegato molto bene e quindi? siamo fregati. Io noleggio un’apparecchiatura di luce pulsata a 500 euro al mese, (da 305 a 1200nm) area(1×4,7 1×2,6 2,6×4,7) e il prezzo sale se faccio più di 200 spot al mese. Leggendo risparmierei se comprassi una di queste apparecchiature, potrei abbassare i costi per le clienti, ma se ho capito non sarei in regola. Cosa si può fare? devo continuare a pagare una ditta con un macchinario che funzionerà di meno, ma sempre caro per l’utente finale o rischiare con una delle apparecchiature viste o abbandonare? Non lo so, a breve dovrei decidere se tenerla o smettere e non so cosa fare. Datemi un consiglio.
    Grazie

  3. Roberto Papa Dice:

    Michela, grazie per aver versato la quota per il ricorso al TAR,

    Ma vorrei rassicurarti, dicendoti che ci sono alte probabilità che questo decreto venga sospeso dal TAR, in questo caso le apparecchiature che abbiamo sempre utilizzato, potranno essere nuovamente messe in uso

  4. Roberto Papa Dice:

    Cara Antonella,

    entro i primi di ottobre il Tribunale Amministrativo si dovrà pronunciare sulla sospensione del DECRETO da noi richiesta, quindi, non appena ci sarà l’ordinanza di sospensione tutti potremmo utilizzare le apparecchiature che da oltre 10 anni abbiamo sempre usato.

    ti invito a contribuire con la quota per il ricorso al TAR clicca qui: http://www.confestetica.it/punto-estetico/wp-content/uploads/2011/07/Modulo-adesione-ricorso-al-TAR-2.pdf

  5. mariella Dice:

    è veramente una schifezza, non si vergognano? Ragazze\i date i contributo per il ricorso al TAR

  6. Fulvio Marciante Dice:

    Credo che dietro tutto questo ci sia la “lobby dei medici” che non contenti di quello che già hanno, vogliono sempre di più, mettendosi a fare anche gli estetisti, visto che è un settore che tira (tirava…ora con la crisi..).
    Siamo tanti, raccogliamo firme per una legge chiara che stabilisca che il medico si debba occupare esclusivamente di problemi medici e che l’estetica debba essere lasciata alle estetiste. I medici hanno già tanto da fare con liposuzioni e chirurgie estetiche. Ad ognuno il suo!

  7. MAURIZIO FULIGNI Dice:

    Spero solo che qualcuno in possesso di tali apparecchiature si faccia dei “danni” e che vada a chiedere spiegazioni dove l’ha acquistata, magari dal direttore di uno di questi grandi centri multimediali e caso mai con tanto di richiesta danni!!!!

  8. Stefano Dice:

    Salve,
    vorrei un chiarimento:
    il ricorso al TAR presentato da Confestetica è relativo solo alle macchine di cui si parla in questo blog oppure agirà sull’intero decreto?
    Avrà quindi valore anche per l’adeguamento dei solarium oppure questo è un’altra questione?

    Grazie
    Stefano

  9. SILVY BRUNO Dice:

    incredibile ITALIA

  10. giuliano Dice:

    MA NON SOLO NEI GRANDI MAGAZZINI CI SONO LAMPADE UV CON EMISSIONI SUPERIORI ALLA NUOVO DECRETO, A CASA TI PUOI ANCHE AMMAZZARE CHE NON C’E CONTROLLO E NON FREGA NIENTE A NESSUNO.

  11. Roberto Papa Dice:

    @Stefano, l’eventuale annullamento riguarderà tutto il decreto, con tutte le apparecchiature

  12. carolina Dice:

    probabilmente ci vogliono tutte in casa a fare il lavoro nero…intanto non possono controllare….potremo spendere di più nei negozi….visto che sarebbe l’unico modo per guadagnare!!!

  13. orny Dice:

    ho aperto da poco un centro estetico e mi chiedo chi me lo ha fatto fare fa bene chi lavora in nero questo ststo di merda si merita questo.Non siamo medici ma neanche ciabbatte ci dessero il giusto posto che ci spetta abbiamo studiato e pagato fior di quattrini per raggiungere certi risultati mentre molti medici le lauree se le comprano o forse neanche le hanno.Ha ragione Fulvio ad ognuno il suo.

  14. marika Dice:

    Anche io mi sono chiesta come sia possibile che vietino o limitino a noi l’utilizzo della luce pulsata,e poi permettano di utilizzarla a casa,a chiunque ,vendendola tranquillamente nei negozi…a mio parere è una cosa veramente grave!!!!!!Uso la luce da ormai più di 5 anni e se non fai una giusta valutazione della pelle puoi bruciare,bè credo che siamo più qualificate noi a farlo,che una qualsiasi casalinga,impiegata,avvocato,che può acquistare la luce pulsata, cosi ,senza una minima conoscenza del macchinario ,e dei valori che vanno adeguati alle caratteristiche della pelle! tutto ciò non ha senso……

  15. patrizia Dice:

    CHE BELLO CHE BELLO LO VOGLIO ANCH’IO
    sono andata a vedere il sito e veramente una schifezza
    forse lo acquisterò davvero e farò i trattamenti in casa
    visto che presto saremo tutte disoccupate

  16. Oscar Peris Dice:

    Egregi lettori, cerco di essere il più breve possibile, sono nel settore delle Tecnologie Medico/estetiche da oltre 15 anni e, in qualità di Beauty Broker, sono attento a scegliere per produttori, aziende e rivenditori le migliori tecnologie disponibili sul mercato Medico ed Estetico (soprattutto dal punto di vista applicativo e di protocollo), e ne vedo di tutti i colori. Da quando sono usciti i primi laser e successivamente la Luce Pulsata si è progressivamente scatenato un movimento di opinione che ne chiedeva la regolamentazione, passato qualche anno è arrivata la cavitazione, poi la radiofrequenza, “ora si cerca di recintare i buoi che ormai sono scappati” ecc ecc.
    Mi rivolgo a Confestetica ed a tutto il settore in preda allo sconforto , al disorientamento ed ai leciti dubbi (oltrechè rabbia) rispetto a quanto accaduto recentemente; mi riferisco al decreto, al ricorso e soprattutto alle modifiche richieste per aggiornare le suddette tecnologie in base alle nuove normative, mettendo in guarda gli ignari operatori di settore ed avvisandoli che vi sono alcune aziende che stanno giocando sulla totale ignoranza degli operatori per rifilargli, sicuramente non in regalo, delle modifiche che hanno a dir poco del ridicolo, vi faccio un paio di esempi: se vi modificano la Cavitazione dicendovi che “ora è a norma” ma la Cavitazione fischia ancora alle orecchie vuol dire che vi hanno rifilato ancora Ultrasuoni a bassa frequenza e quindi sotto gli 800Khz della normativa. 2°) Esempio, se vi hanno venduto una RF Monopolare dicendovi che aveva 150Watt (ma in realtà ne aveva 80/100 max) ed ora ve la riportano a 50Watt vuol dire che non farà più nulla, oppure se vi darà dei risultati vuol dire che è rimasta a 80/100 watt e via dicendo. Quindi, ricapitolando, state allerta e non buttate soldi a vanvera, aspettate il ricorso e poi decidete il dafarsi. E con le nuove Innovazioni Tecnologiche che stanno arrivando e che saranno fuori dal decreto, che si fara’? Un Cordiale saluto a tutti da Oscar Peris

  17. patrizia Dice:

    vorrei sapere se una radiofrequenza monopolare a 3000 hz si può usare.
    grazie

  18. elena Dice:

    ciao a tutti,non e’ mia abitudine scrivere per sfogarmi, sono stanca sono titolare di un centro da 12 anni e ora mi sto trasferendo in una sede piu’ grande , e dopo il decreto ho dovuto adeguare le macchine per poter lavorare (e non mi e’ costato poco) … ma la cosa che mi ha lasciato senza parole e’ trovarmi in ballo tra carte carte e tanti permessi … in piu’ sono stata costretta a fare l’impianto a uso medico perche secondo nuove leggi devo avere l’impianto per apparecchiature ELETTROMEDICALI … ora mi chiedo: Siamo o non siamo medici? hihihih (era una battuta).Ci tolgono attrezzature perche’ ritenute a uso medico e poi devo fare l’ impianto come uno studio medico (chirurgo) ….( quanti soldi rubati) …io non so’ ma non ci capisco piu’ niente…

  19. ShantalRagazza Dice:

    Credo sia giusto ke le estetiste non invadano un campo dedicato soli ai medici che in determinati ambiti hanno sicuramente una maggiore competenza. I trattamenti dei medici sono molto più effIcaci di quelli estetici! Limitatevi a fare le cerette e le sopraciglie

  20. Marizio Dice:

    Sono un biologo. Mi interesso di estetica da anni e sono competente anche in elettronica. I maggiori ignoranti nel settore estetico sono i medici. A riprova della mia affermazione vi faccio notare che utilizza no sempre estetiste per far lavorare le loro apparecchiature estetiche

Scrivi un commento