confestetica

Benvenuti nel portale dell'estetista a cura dell' Associazione Nazionale Estetisti
In questo momento ci sono 96 utenti collegati.

  • twitter
  • facebook
  • youtube

Aumento IVA – Il punto percentuale in più è a carico dell’estetista in quanto artigiana e non professionista – da 600 a 4.800 euro in più ogni anno

Anche nei centri estetici, è aumentata l’IVA dal 20 al 21% per cerette, massaggi, manicure e tutti gli altri servizi e prodotti.

Ancora una volta, si torna a parlare di artigiani e professionisti, e l’estetista,oggi, viene penalizzata in quanto è un’artigiana. E’ proprio contro questo sistema che Confestetica si sta battendo da anni. Ed oggi, forse a tutti comincia ad essere più chiaro perché Confestetica vuole che l’estetista venga riconosciuta come una figura professionale.

Come è noto solo CNA e CONFARTIGIANATO insistono ancora a volere l’estetista artigiana, e questo, ancora una volta, danneggia la categoria.

Prendiamo atto, invece, che almeno l’Unione Artigiani la pensa diversamente dalle altre due associazioni artigiane il cui dirigente degli acconciatori  della provincia di Milano Franco Scarpanti riferisce che: “Più di una volta abbiamo richiesto di essere parificati ad altri professionisti e lavoratori autonomi che dispongono di questa facoltà, ma le nostre richieste sono rimaste lettera morta”.

“ Il ritocco è, di fatto, un aumento della tassazione diretta poiché, com’è noto, le ricevute rilasciate da un’estetista al suo al cliente riportano il costo dei trattamenti già comprensivo d’Iva che corrisponde al prezzo esposto. Diversamente vale per quasi tutte le altre prestazioni professionali, dove l’Iva, invece, è a carico del consumatore finale”.

“Il punto percentuale in più va quindi a carico totale dell’estetista che certo non se la sente di “recuperare”, ritoccando il suo listino di qualche decina di centesimi per ogni trattamento”.

Un professionista emette ricevuta fiscale con l’imponibile separato dall’iva e quando comunica il prezzo della prestazione è sempre iva esclusa.

Vediamo, attraverso questo schema, quanto costa in più ogni anno essere artigiano all’estetista

Siamo perfettamente in accordo con quanto sostiene l’Unione Artigiani, e vi comunichiamo qualche altra verità:

Nel 2010 Confestetica ha presentato 2 disegni di legge dove in entrambi si stabiliva la figura dell’estetista come professionista, ma CNA e CONFARTIGIANATO, di contro, hanno presentato ben 3 disegni di legge identici tra loro, che vogliono l’estetista artigiana.
Questi 5 disegni di legge, sono stati trasformati in un testo unico di legge, dove l’estetista, purtroppo, pare debba rimanere una figura artigianale.

Ovviamente Confestetica non si ferma e sta azionando tutti gli strumenti per capire se questo comitato ristretto (che sta decidendo le sorti degli estetisti italiani) sia semplicemente incompetente in materia, oppure qualcuno dei componenti, potrebbe avere interesse a favorire CNA e CONFARTIGIANATO intese come struttura, in spregio a tutta la categoria e ai consumatori.

Che l’estetista debba essere una professionista non lo dice solo Confestetica, ma lo dice il Ministero della Salute e il Consiglio Superiore di Sanità, che addirittura per questa figura professionale suggeriscono di “includerla nelle professioni sanitarie”.

Allo stato attuale, ancora una volta, l’estetista abusiva che lavora in casa (in nero) ne ha la meglio, non paga l’IVA, non la farà pagare nemmeno alle sue clienti, alimentando sempre più l’evasione fiscale e creando la peggiore concorrenza sleale che ci possa essere.

Ovviamente, a questo non sono neanche previste soluzioni, in quanto nel disegno di legge unificato, la decima commissione, mal consigliata da CNA e CONFARTIGIANATO, ha omesso le sanzioni per le abusive (348 c.p) e per le loro clienti, che, invece, aveva proposto Confestetica nel suo disegno di legge.

Schema per il calcolo dell’IVA

Scritto da Confestetica il 18 settembre 2011 alle 01:53

Vuoi rimanere aggiornato con le novità di Punto Estetico? Sottoscrivi il nostro feed RSS!

7 Commenti a “Aumento IVA – Il punto percentuale in più è a carico dell’estetista in quanto artigiana e non professionista – da 600 a 4.800 euro in più ogni anno”

  1. MariaRosa Dice:

    ALTRA SPINA NEL FIANCO: è vero che si è aperta la liberalizzazione per le farmacie e potranno mettere un Centro Estetico all’interno delle stesse senza obblighi e permessi, addirittura utilizzando un commesso/a già all’interno della struttura? HO CAPITO MALE O E’ UNA NOTIZIA VERA? Ieri 3 ottobre Gian Luca Mech alla presentazione della sua linea viso e corpo ci ha dato questa notizia, lo confermate?
    Grazie in anticipo per la risposta MariaRosa Botti

  2. patrizia Dice:

    Io vorrei conoscere alcune colleghe che stanno utilizzando i vari siti di groupon groupalia let’s bonus e capire cosa veramente gli viene in tasca.

  3. alessandra Dice:

    Buongiorno a tutti…….
    Si!!!! iniziano a penalizzarci, come se già non lo eravamo; sta di fatto che chi lavora male o in nero di solito non paga assolutamente niente, io personalmente che sono completamente in regola, dichiaro che se riceverò un controllo e qualche pazzo troverà qualcosa di strano, vi posso garantire che farò l’elenco completo di chi lavora in casa, sucessivamente consiglierò ai controllori di farsi un giretto dei signori dell’oriente, che all’interno dei loro centri fanno il lavoro piu’ antico del mondo………….
    Grazie

  4. MariaRosa Dice:

    Il 4 ottobre ho chiesto se era vero che si sono liberalizzate le licenze di estetica per le farmacie, non ho ancora ricevuto risposta, ne sapete nulla?C’è qualcuno che può rispondermi in merito? Grazie MariaRosa

  5. Roberto Papa Dice:

    Ciao Maria Rosa, le farmacie hanno una loro legge che le consente di offrire servizi anche di estetica all’interno delle farmacie. Ci sono molte aziende che vendono la luce pulsata per l’epilazione sia ai centri estetici che alle farmacie. Resta fermo il fatto che i farmacisti non possono effettuare alcun trattamento estetico e si devono avvalere sempre di un estetista.

  6. Selina Dice:

    Purtroppo questo articolo è parziale. Il ragionamento decade facilmente quando l’estetista decide di aumentare tutti i suoi prezzi di 1 euro, invece che dei pochi centesimi che avrebbero coperto l’aumento IVA. Con la scusa guadagna di più! Invece di creare caste professionali si dovrebbe pensare a liberalizzare, previo accertamento qualifiche

  7. manuela Dice:

    Volevo sollevare un’ulteriore aggravante a chi svolge l’attività di Estetica “in nero” , a tutte quelle associazioni che
    che si occupano di benessere e sono davvero tantissime patrocinate spesso dai comuni dove svolgono l’attività
    che dovrebbe essere NON a SCOPO di LUCRO. Massaggi,trattamenti di ringiovanimento,massaggio del bambino
    terapie fisiche,ginnastica,psicoterapie?
    Ma scherziamo,come è possibile sopravvivere con disparità tali…senza norme igeniche,senza abilitazioni,senza
    strutture sanitarie che NOI Centri Estetici giustamente dobbiamo rispettare.Ma quando giochiamo ad armi pari?

Scrivi un commento