confestetica

Benvenuti nel portale dell'estetista a cura dell' Associazione Nazionale Estetisti
In questo momento ci sono 89 utenti collegati.

  • twitter
  • facebook
  • youtube

PRIMA GLI ESTETISTI

Tutti vorrebbero eseguire trattamenti sulla superficie del corpo umano, senza avere alcun titolo di studio riconosciuto dallo Stato.

Troppi gli interessi economici di enti di formazione e associazioni artigiane, che con la “complicità” dell’establishment, hanno tentato di far credere che sono nate nuove figure (figurine) da regolamentare nell’ambito del benessere.

Politica, enti di formazione e associazioni artigiane, unite per un fine comune, fare affari con nuovi corsi inutili per professioni illegittime, illudendo i giovani di un nuovo lavoro, che non esiste.

Migliaia di ragazze pagano migliaia di euro per frequentare corsi legati al mondo dell’estetica e del benessere, convinte di poter poi trovare un lavoro, che non troveranno mai.

Per lavorare sulla superficie del corpo esiste già una legge, ed è la legge n. 1 del 4 gennaio 1990, dove chiunque, dopo aver frequentato la scuola professionale (1800 ore) e dopo aver conseguito il diploma di estetista, può eseguire trattamenti sulla superficie del corpo umano per mantenerlo in perfette condizioni.

 

La promessa che questi enti di formazione e associazioni artigiane (il gatto e la volpe) fanno ai giovani ragazzi in cerca di un futuro lavoro:
“iscriviti ad un nostro corso, alla modica cifra di 3.000 euro e con poche decine di ore otterrai un attestato (illegittimo) e potrai così aprire uno studio (illegittimo) e potrai diventare un operatore olistico, una dermopigmentatrice, una onicotecnica, una qualsiasi cosa, basta che paghi tanto e studi poco o niente.”

 

Lavorare sulla superficie del corpo umano richiede studio e impegno, ma questi enti di formazione e le associazioni artigiane, vogliono portare al ribasso questa professione e si sono inventati professioni intermedie, ovvero delle professioni illegittime, che si sovrappongono a quella dell’estetista.

Pur di far cassa sulla pelle delle persone ignare, che non sanno che saranno eterni disoccupati, si sono inventati di tutto, dal massaggiatore olistico, al massaggiatore ayurvedico, all’onicotecnica alla dermopigmentista, alla Lashmaker, tutte attività già regolamentate dalla legge n. 1 del 4 gennaio 1990.

In Italia ci sono 35.000 centri estetici, che svolgono legittimamente l’attività di estetica e benessere della persona, sono regolarmente occupate 85.000 persone, il 95% degli occupati sono DONNE, che ogni anno svolgono 100.000.000 di trattamenti sulla superficie del corpo umano, per mantenerlo in perfette condizioni, il 72% dei clienti sono DONNE.

Queste figure intermedie (qualche migliaio), che si improvvisano ad eseguire trattamenti sulla superficie del corpo umano, INGANNANDO IL CONSUMATORE sono TOTALMENTE ILLEGITTIME, in quanto eseguono trattamenti privi dell’abilitazione riconosciuta e richiesta dallo Stato.

PER LAVORARE SULLA SUPERFICIE DEL CORPO UMANO SI DEVE STUDIARE.

CI AUGURIAMO CHE PRESTO L’ESTETISTA POSSA DIVENTARE UNA FIGURA SANITARIA, CON IL SUO PERCORSO DI LAUREA TRIENNALE.

Scritto da Confestetica il 18 maggio 2018 alle 21:49

Vuoi rimanere aggiornato con le novità di Punto Estetico? Sottoscrivi il nostro feed RSS!

Scrivi un commento