confestetica

Benvenuti nel portale dell'estetista a cura dell' Associazione Nazionale Estetisti
In questo momento ci sono 89 utenti collegati.

  • twitter
  • facebook
  • youtube

SALUTE: STOP LETTINO SELVAGGIO, PDL CONTRO ESTETISTE ABUSIVE

infezioni(ANSA) – ROMA, 18 GEN – Stop con lettino selvaggio. Contro il fenomeno delle estetiste ”fai da te” , che ricevono in casa frotte di clienti attirate dai prezzi piu’ bassi per una depilazione o una pulizia del viso ma che non hanno alcun titolo per esercitare la professione, e’ sceso in campo il deputato del Pdl Antonio Mazzocchi che ha presentato una sua proposta di legge per mettere ordine nel settore. Per riuscire nell’intento, il parlamentare del centrodestra, appoggiato nella sua battaglia da Confestetica, la confederazione che raccoglie le 25mila estetiste ”regolari”, propone l’istituzione di un albo degli estetisti degli onitecnici (cosi’ si chiamano le manicure) e degli operatori per l’abbronzatura, al quale si giungerebbe dopo aver superato un corso triennale, un periodo di tirocinio in un centro estetico riconosciuto e un esame finale. ”Di fronte alle diffusioni di malattie per colpa di strumenti che non vengono opportunamente sterilizzati, di lampade abbronzanti potenzialmente pericolose, di operatori ‘fai da te’ che ricevono a casa con tutti i pericoli connessi – spiega Mazzochi – abbiamo il dovere di prendere dei seri provvedimenti”. Oggi per diventare estetista bisogna frequentare un corso regionale, ma le quelle che lavorano ugualmente senza diploma, di solito a casa, secondo le stime sarebbero ormai piu’ di 30mila , con un giro di affari di diversi milioni di euro. Con l’istituzione di un Albo nazionale , le estetiste irregolari incorrerebbero nei rigori del codice penale, che punisce l’esercizio di professione abusiva. Se la proposta di legge fosse approvata, le estetiste ”fai da te” rischierebbero dai 7 ai 15mila euro di multa . Ma a essere colpite sarebbero anche le loro clienti: se sorprese in flagranza di massaggio abusivo si vedrebbero appioppata una multa dai 1500 ai 7mila euro. ”Il mio intento – sottolinea Mazzocchi – e’ di contrastare tutto l’enorme fenomeno dell’abusivismo, perche’ con la salute non si scherza Non vogliamo che ci si esponga a una lampada abbronzante incrociando le dita; per evitare sorprese bisogna che gli operatori siano professionisti in grado di garantire la sicurezza del prodotto”. Il cammino delle proposta di legge partira’ nei prossimi giorni in commissione Attivita’ Produttive di Montecitorio. (ANSA).

Scritto da Confestetica il 19 gennaio 2010 alle 21:55

Vuoi rimanere aggiornato con le novità di Punto Estetico? Sottoscrivi il nostro feed RSS!

14 Commenti a “SALUTE: STOP LETTINO SELVAGGIO, PDL CONTRO ESTETISTE ABUSIVE”

  1. maria paola Dice:

    Interessante,

    potrei avere i riferimenti della presentazione alla camera per leggere l’intero testo?

  2. Mariana Vingelli Dice:

    Esimi signori, molto bello ed interessante ciò che è scritto, ma… secondo Voi, quale estetista o presunta tale può essere colta in fragrante intanto che massaggia una sua cliente sul “lettino selvaggio” visto che in casa loro mai Vi farebbero entrare ed ancor di più mai direbbero che stanno effettuando un trattamento estetico con corresponsione di denaro???!!!!
    Saluti Distinti

  3. MAURIZIO Dice:

    BENE ANDIAMO AVANTI SIAMO SULLA STRADA GIUSTA COMPLIMENTI A TUTTI!!!!!!

  4. Confestetica Dice:

    Gent.ma Marianna Vingelli,
    la nuova legge proposta da Confestetica ha previsto per chi esercita abusivamente la professione di estetista, tre tipi di sanzioni e precisamente:
    (1). sanzione penale secondo l’articolo 348 del codice penale con 6 mesi di reclusione (secondo questo articolo le forze dell’ordine non hanno bisogno di farsi aprire la porta perchè in caso, la sfondano!); questo per quanto riguarda la flagranza di reato. In mancanza di flagraza di reato, se da un semplice controllo si ravvisasse un lettino o uno scaldacera che dimostrino comunque un’attività illecita, scatterebbe sempre l’illecito penale ai sensi dell’articolo 348 cp.

    (2). le sanzioni amministrative invece prevedono dai 7.000 a 15.000 euro per chi esercita abusivamente la professione di estetista e (3) per i clienti che frquentano gli abusivi le sanzioni andranno da 1.500 a 7.000 euro.

    Grazie alla proposta di legge di Confestetica, n. 3116, l’abusivismo si può eliminare fino al 99%.

  5. rosaria papillon Dice:

    vogliamo avere il ”termometro” della diffusione di questo fenomeno?
    quante sono le ditte, specializzate in prodotti e attrezzature per estetiste,che hanno anche lo scontrino fiscale?
    a noi estetiste serve la fattura…..

  6. Carmen Dice:

    BELLE PAROLE!!!! MA PURTROPPO MANCANO I FATTI. DENUNCIANDO CON NOME, COGNOME, TELEFONO, ED INDIRIZZO, METTENDO LA TUA FACCIA, ANZICHE’ PERSEGUIRE L’ABUSIVO TI SENTI DIRE: MA PERCHE’ NON TI FAI I FATTI TUOI?
    QUESTA E’ LA REALTA’.

  7. michela Dice:

    io penso che tutto questo sia giusto, ma parlo da dipendente. Credo che con l’aumento delle buste paga alle dipendenti, queste non andrebbero più a lavorare in casa abusivamente. E’ da 10 anni che faccio l’estetista e il mio stipendio è ancora di 870 euro per la bellezza di 6,00 euro l’ora; neanche un apprendista in fabbrica prende una cifra così bassa!

  8. Danielina Dice:

    Ha ragione Michela, l’abusivismo potrebbe aver fine se tutti i datori di lavoro non sfruttassero la professionalità delle estetiste per arricchirsi continuando a sottopagarle per anni, senza metterle in regola.
    Bisognerebbe tutelare questo lavoro non solo rendendo professionale la qualifica, ma considerando questa professione molto vicina ad altre professioni come fisioterapisti, podologhi, medici ecc. e pagando prestazioni molto più consistenti e non miseri stipendi. E’ logico, quindi, che si ricorre all’abusivismo per essere pagati di più le estetiste e i clienti sono più contenti perchè risparmiano.

  9. katia Dice:

    Molte di voi hanno ragione, ci sono persone che lavorano da estetiste senza avere nessun tipo di abilitazione, ha ragione anche michela dicendo che gli stipendi sono effettivamente troppo bassi, però io incolpo molto anche le ditte di prodotti che, riempiendosi la bocca della parola “professionalità” e per lucro, sfornano migliaia di ragazze che, ovviamente dopo aver investito tanti soldi, desiderano lavorare ma chi è titolare di un centro estetico come me sà perfettamente che non è così semplice avviare e mantenere aperta un’attività..e poi perchè queste ditte vendono i prodotti professionali a chi non possiede partita iva? Mi sembra abbastanza palese che se non ho partita iva e acquisto prodotti professionali quasi sicuramente li utilizzo a casa in nero….Non credo di aver scoperto l’acqua calda….

  10. Ale Dice:

    EVVIVAA
    era ora, forse non servirà a nulla ma intanto iniziamo a farci sentire!
    COMPLIMENTI!!!

  11. ugo Dice:

    Spett.le Confestetica quello che dice la sig.ra Mariana Vingelli non è fantasia è pura REALTA’. Le leggi in Italia ci sono, ma essendo un paese “democratico” ognuno fa quello che vuole visto che le leggi sono MOLTO interpretabili. Sono più che d’accordo nel combattere l’abusivismo, ma come può essere dimostrabile che lo scalda cera o il lettino non sono ad uso personale e quella che stanno massaggiando è un’amica della porta accanto? Ci sono aziende che vendono prodotti per estetiste a tutti; bisognerebbe fare i patentini come per i diserbanti nel campo agricolo, che senza di quello alcuni prodotti non possono essere venduti e per atnto utilizzati. Nel caso che ci fosse un reato di flagranza nella consegna di soldi, estetista (uomo o donna che sia) potrebbe semplicemente dire che si è prostituito/a e se non erro per questo non esiste reato. Purtroppo in Italia ci sono troppe scappatoie, si pensa sempre come corre dietro ai buoi quando sono scappati dalla stalla invece di investire nell’educare le persone ad essere più oneste, ma purtoppo chi fa le leggi…… Lascio ad ognuno la conclusione che meglio crede…..

  12. Angela Dice:

    Se ci fosse meno abusivismo, i centri estetici lavorerebbero di più e riuscirebbero a pagare meglio anche i propri dipendenti…

  13. Laurita Ricci Dice:

    Se non ci fosse concorrenza SLEALE sarebbe molto più facile corrispondere “bonus” alle dipendenti oltre lo stipendio… e’ vero che i contratti non sono alti, ma gli stipendi di cui parlano alcune di voi… da dove vengono fuori? solo io pago alle mie apprendiste più di 900 euro? e dopo 3 anni non sono più apprendiste… quindi ? ma
    che dite?

  14. Estetista in casa? Pensaci prima… | Pink Dice:

    […] Altri link di informazione: http://www.confestetica.it/punto-estetico/897/salute-stop-lettino-selvaggio-pdl-contro-estetiste-ab… […]

Scrivi un commento